Anello M. Fietone Stampa E-mail
Share
Escursioni varie
Scritto da marco lambertucci   
Venerdì 21 Marzo 2014 16:00

MONTE FIETONE E VALCADARA
Traccia GPS: qui (utenti registrati)

Tra i confini occidentali dei Sibillini ed il parco di Colfiorito un facile anello, quasi sempre su comoda sterrata, da cui ammirare le ampie vedute del monte Fietone e le cascatelle del minuscolo paese di Valcadara.

La passeggiata inizia dal paese di Selvapiana, lasciando l'auto nei pressi di una chiesetta affiancata da un piccolo parco-giochi ed imboccando la strada che inizia alla destra della chiesetta, per poi deviare su una larga sterrata sulla sinistra; è questa la strada che ci accompagnerà per quasi tutto il tragitto.

Si comincia subito in leggera salita per poi ridiscendere leggermente in corrispondenza di due deviazioni (prima a destra e poco dopo a sinistra) che bisogna ignorare. Ben presto la sterrata torna a salire, stavolta in maniera regolare ma continua e in circa 2 Km, dopo aver superato un tornate ed iniziata una lenta deviazione sulla sinistra, arriva sui vasti prati della cima del monte Fietone; qui la vista spazia libera in tutte le direzioni, godendo in particolare del panorama verso il monte Tolagna e Colfiorito, Camerino con i monti di Montelago e, dalla parte opposta, Montecavallo con lo sfondo dei Sibillini.

Riprendendo il cammino e seguendo sempre le tracce della strada, cominciamo ad abbassarci in maniera piuttosto decisa per poi piegare a destra e procedere in leggera discesa, aggirando ancora il fianco del monte fino ad arrivare ad una costruzione con fonte, oltre la quale la strada continua a scendere; superato in seguito un tornante si entra nel bosco, dove si prosegue ancora in costante discesa per circa 2,5 Km, fino ad incrociare la strada bianca preveniente dal paesino di Cesure, proprio in corrispondenza di un piccolo cimitero.

Bisogna a questo punto girare a sinistra e seguire la strada per circa 1 Km, superando anche uno strapiombo sul torrente Vasaino, fino ad arrivare al minuscolo paesino di Valcadara, formato da solo due abitazioni separate tra loro da una leggera salita (lungo il percorso una deviazione di 500 metri sulla destra permette di raggiungere la chiesa ristrutturata di San Niccolò, in ottima posizione panoramica e visibilissima nel tratto in discesa percorso precedentemente all'interno del bosco).

Raggiunta la seconda abitazione del paese, in corrispondenza di una curva preceduta da un muretto sulla sinistra, bisogna abbandonare la strada (che più avanti si impenna decisamente) proseguendo invece lungo le tracce visibili sull'erba che si inoltrano nel fondovalle; è questo l'inizio (non segnalato) di un sentiero tra le rocce che, sempre molto evidente, sale per circa 500 metri accanto al letto del torrente. In questo tratto sono presenti delle graziose cascatelle da ammirare soprattutto in primavera quando la portata d'acqua è più consistente, e che in un punto costringono a mettere gli scarponi in acqua per poter proseguire.

Superato il piccolo guado il sentiero si arrampica poi tra gli alberi compiendo diversi tornati fino a sbucare nei prati della valle soprastante, dove si torna su strada attraversando un'altra volta le acque del torrente (un piccolo ponte di pietra evita di mettere ancora le scarpe in acqua).

Una volta su strada, il percorso continua in piano incrociando una graziosa edicola posta proprio in corrispondenza delle foci del torrente superata la quale occorre procedere per circa 500 metri, fino all'evidente apertura, sulla sinistra, per la valle Orticara, dove si abbandona la strada per compiere l'ultimo tratto del nostro percorso; è qui possibile, per chi lo preferisse, ignorare la deviazione e continuare invece lungo la strada bianca, che dopo circa 1 Km sale incrociando la strada principale, da seguire in discesa fino al paese.

Proseguendo invece con la deviazione proposta si sale dolcemente restando sempre sul fondovalle, seguendo le tracce sull'erba fino ad arrivare ad un gruppo di alberi, superato il quale ci si ritrova ai limiti di un campo coltivato; aggiriamolo tenendoci lungo il suo confine destro fino ad incrociare la stradina che scende dal colle Piscino, che seguiremo in discesa fino a ricongiungerci con il primo tratto dell'andata, da percorrere a ritroso fino all'auto.

Partenza: Selvapiana

Tipologia: anello

Lunghezza: 12,2 Km

Quote: min. 861 m; max. 1.390 m

Dislivello: 529 m

Tempo: 3h

Difficoltà: T

Macerata-Località Cascine di Selvapiana con Google Maps.

Ascoli P.-Località Cascine di Selvapiana con Google Maps.

Foligno-Località Cascine di Selvapiana con Google Maps.  

DICHIARAZIONE DI NON RESPONSABILITA'

L'autore declina ogni responsabilità per la attualità, correttezza, completezza o qualità dell'informazione riportata. Richieste di indennizzo riguardo danni causati dall'uso di qualsiasi informazione fornita, incluso ogni tipo di informazione incompleta o non corretta, saranno quindi rifiutate. Tutte le notizie riportate sono non vincolanti e senza alcun obbligo. Parti delle pagine o la completa pubblicazione inclusi i files allegati potranno essere integrate, modificate, parzialmente o interamente cancellate dall'autore senza alcun preavviso.  

<<< Inizio articolo  Home