La Cascata del Cugnunto Stampa E-mail
Share
Escursioni varie
Scritto da Massimiliano   
Mercoledì 10 Giugno 2009 14:30
DAL LEBBROSARIO DI S. LAZZARO LUNGO LA VALNERINA, LA CASCATA DEL CUGNUNTO

Il sentiero inizia dopo il lebbrosario di San Lazzaro, tale complesso fu eretto nel 1218. In origine comprendeva una chiesa e un ospedale oggi la costruzione è abbastanza fatiscente anche se vissuta da alcuni agricoltori della zona.
 
La cascata si trova alla  congiunzione delle vallate di Poggio di Croce e Montaglioni dove è possibile ammirare il fosso detto "Lu Cugnuntu" caratterizzato da questa piccola cascata di circa 20 metri. 
 
Quando si arriva all'altezza della costruzione del lebbrosario troviamo un cartello esplicativo qui si puo parcheggiare ma si puo anche proseguire lungo la sterrata per circa 700 mt dove vi è un piccolo slargo per poter parcheggiare; il posto è isolato e non si rischia di trovare traffico.

Lì vi è il cartello che indica l'inizio del sentiero, lo si segue e si oltrepassa un piccolo cancello (cordicella tra due pali) per non far passare gli animali. A questo punto si entra nel bosco e si costeggia prima il ruscello per poi guadarlo piu volte fino ad arrivare ad punto dove per passare bisogna bagnarsi i piedi perchè il sentiero finisce nel torrente.
 
Prima di arrivare alla cascata vera e propria si incontra una pisciarella e apparentemente puo essere scambiata per la cascata del Lu Cugnuntu se non la si conosce ma in realta non è così: bisogna prosegure sulla sinistra guardando la pisciarella su tracce di sentiero (serve spirito di avventura).
 
Da questo punto in poi comincia il divertimento perche la vegetazione è molto rigogliosa e il sentiero spesso coincide con il ruscello stesso. Dopo 10 minuti dalla pisciarella si aprirà una gola ceca; si sentirà solo il frastuono della cascata.
L'ambiente è veramente magico sembra dimenticato ma in realta è solo la natura che è padrona del posto come è giusto che sia. Lungo il cammino si incontrano molte varieta di fiori e fragoline selvatiche.
 
Questa escursione l'ho fatta ai primi di maggio con una bambina di 5 anni e uno di 9; è un escursione facile ma non sottovalutatela. Nell'ambiente boscoso non c'è copertura  per i cellulare almeno Vodafone.
 
E' bene avere delle scarpe impermeabili in alternativa scarpette da torrente per potersi bagnare in tranquillità.
 
Dislivello: 50 mt 

Difficoltà: facile

Tempo di percorrenza: 35 min. solo andata

 
 
<<< Home