La Riserva Naturale dell'Abbadia di Fiastra Stampa E-mail
Share
Abbazie - Abbazia di Fiastra
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Sabato 24 Gennaio 2009 21:47

 UN'AREA PROTETTA DI IMPORTANZA ASSOLUTA

E' estesa per più di 100 ettari ed è giunta fino a noi praticamente quasi intatta grazie all'uso molto oculato che ne fecero i suoi possessori.

Primi tra tutti i monaci Cistercensi che, avendo bisogno di un luogo molto solitario, silenzioso e boscoso (il Romitorio) per pregare, preservarono l'intero bosco dalla deforestazione e dal taglio selvaggio.

Successivamente fu la famiglia Bandini insieme alle regione Marche a preservarla dichiarandola Area Floristica Protetta.

L'intera foresta, è importantissima in quanto costituisce l'ultimo esempio di bosco, di una certa superficie, che ricopriva l'intera fascia collinare delle Marche dall'inizio del 1700; prevalentemente costituita dal cerro, c'è poi la roverella, l'acero campestre, l'orniello, la farnia ed anche il carpino orientale (una specie molto rara nelle Marche); c'è l'elleboro di Bocconi, l'alisaro, lo zafferano. Lungo i sentieri ci sono inoltre il leccio, molte conifere, e il bosso.

Anche la fauna riveste un ruolo di primo piano. Nel 1957 è stato reintrodotto il capriolo e ci sono poi la faina, la donnola e il tasso mentre tra gli uccelli la civetta, l'allocco, il picchio muratore, il picchio verde, quello rampichino, l'upupa, lo sparviero e molti altri uccellli tipici della zona.

Insomma, un vero paradiso dove trascorrere piacevolissime giornate a piedi, in bicicletta, a cavallo e gustare i tipici prodotti nei diversi agriturismi della zona. Un bellissimo lago ( lago Le Vene) nel quale, se siete fortunati, potrete osservaere anche la lontra.

Questa è una descrizione "fisica" della riserva naturale ma quando ci si trova dentro, si viene "posseduti" dalla sua pace, quiete, da tutto ciò che ci avvolge, come in un caldo abbraccio.

Personalmente sono pazzamente innamorato di questo posto; a volte può capitare di non apprezzare certi luoghi perchè si trovano vicino casa e quindi visti, stravisti e raggiungibili in qualsiasi momento, ma questa riserva non mi ha mai stancato ed ogni volta che ci vado, (fortunatamente spesso!), si rinnova in me il desiderio di ritornarci quanto prima perchè è veramente eccezionale. Qualcuno dirà "..ma è solo un bosco come tanti.." ...certo può anche essere ma è ciò che suscita dentro ognuno di noi a renderlo diverso e speciale rispetto agli altri.

<<< Torna alla Home Abbazia di Fiastra  Home