Si alza il sipario sulla Sibilla! Stampa
Share
Brevi news
Lunedì 23 Agosto 2010 10:02

RIVALUTAZIONE DEL M. SIBILLA E DELLA SUA FAMOSA GROTTA 

La Sibilla non avrà più segreti. Dalla prossima primavera sul Monte Sibilla turisti ed escursionisti troveranno pannelli informativi e segnaletica che li guideranno tra i sentieri e sulla leggendaria grotta che finalmente verrà adeguatamente segnalata. E' previsto un pannello informativo che spiegherà la storia dell'antichissimo sito dove si sono trovate testimonianze lontane 3mila anni. Tutto questo grazie al contributo di 25mila euro che la regione ha stanziato a maggio. La grotta della Sibilla,  giace in un'incuria che dura da sessant'anni, impossibile accedervi, è tutto crollato, ma vi sono progetti per la riapertura. La grotta oggi non è nemmeno segnalata, chi arriva sul Monte Sibilla ha difficoltà a trovare l'ingresso della grotta.

Ma la segnaletica non si limiterà alla grotta, riguarderà anche i percorsi sul monte, lungo i quali capita non di rado che gli escursionisti sbaglino strada. La nuova segnaletica spiegherà dove conducono i sentieri, inoltre verranno segnalate le forre presenti nella zona. Poi ci saranno i pannelli informativi che si prevedono della dimensione di un metro per un metro e quaranta, con un rivestimento in legno. Verranno predisposti in punti strategici per dare un'informazione completa al turista su dove si trova e cosa c'è da vedere. Tutto il materiale che verrà sistemato sul monte sarà eco compatibile e in accordo con il Parco dei Sibillini. Al progetto partecipa la scuola di Scienze ambientali dell'università di Camerino. Oltre alla segnaletica saranno stampati degli opuscoli (sono previste dalle mille alle duemila copie) che conterranno tra l'altro una cartografia della zona e i sentieri di cui verrà anche segnalata la difficoltà.

La grotta della Sibilla cela oggi ancora molti segreti. Si sa che a una profondità di circa 20 metri esistono delle cavità che potrebbero essere cunicoli e gallerie. Prima che crollasse la parte "emersa" della grotta c'erano un piccolo corridoio e una stanza circolare con un pozzo al centro profondo circa 4 metri, alla base del quale si intravede una sorta di cunicolo con dei gradini interrati. Al comune di Montemonaco a cui la grotta appartiene, è possibile visitare il museo della Sibilla a villa Curi, dove c'è una ricostruzione dell'antro, ma è in elaborazione il progetto definitivo per una nuova ricostruzione della grotta a cui si entrerà attraverso un tunnel. Potrebbe essere pronta per l'anno prossimo.

Comunicazione segnalatami da Giampiero.
Fonte Web: Il Messaggero Marche

<<< Home