Banner
Banner

I sentieri perduti volume 1

Paesini "fantasma"

Escursioni/Eventi in programma

- Domenica 27 Ottobre 2019: la Scurosa ed i cuoi colori!!

by AG

Accedi/Registrati



Ultimi commenti

Ricevi le news

Iscriviti

Privacy e Termini di Utilizzo

Brevi news

Monti Sibillini: ucciso un altro lupo!
Sabato 17 Gennaio 2015
 UN ALTRO LUPO SOTTO LE GRINFIE DEI BRACCONIERI!Purtroppo, ancora... Leggi tutto...
Ricoverato il muratore di Dio!
Sabato 22 Novembre 2014
PADRE PIETRO LAVINI SOCCORSO DALL'ELIAMBULANZA!Quanti di noi... Leggi tutto...
Spezzato il volo libero di un'Aquila Reale!
Lunedì 16 Gennaio 2012
 UN PATRIMONIO DEI SIBILLINI ABBATTUTO DAI BRACCONIERI! Dopo la... Leggi tutto...
Non c'è limite all'odio!!
Sabato 29 Gennaio 2011
DECAPITATO UN LUPO E MOSTRATA LA SUA TESTA COME UN TROFEO:... Leggi tutto...
Si alza il sipario sulla Sibilla!
Lunedì 23 Agosto 2010
RIVALUTAZIONE DEL M. SIBILLA E DELLA SUA FAMOSA GROTTA  La Sibilla... Leggi tutto...

Neve Lame Rosse. Giampiero

Get the Flash Player to see this rotator.
Powered By Joomla.it
cartina

Sondaggio

La vetta che ti appartiene:
 
Rio Terro-Lago di Pilato: fine anni '60! Stampa E-mail
Share
Monti Sibillini - Curiosità dai M. Sibillini
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Domenica 18 Aprile 2010 16:47

QUANDO LE FOTOGRAFIE RACCONTANO LA NOSTRA STORIA...

Renatopelanora ci delizia con due chicche davvero speciali. Sono due scatti fotografici relativi il primo alla cascata del Rio Terro sotto l'eremo di Soffiano vicino Sarnano mentre il secondo al lago di Pilato. Fino a qui nulla di particolare, direte voi, se non che le foto risalgono rispettivamente al 1968 e al 1969.

In quegli anni ancora non ero nato e provo una certa emozione ed un piacevolissimo effetto osservare questi luoghi quasi completamente intatti dopo più di 40 anni. Comunque, il lago di Pilato, aveva una capienza sicuramente maggiore di quella che siamo abituati a vedere ora e questa non è una novità. Probabilmente, un clima più favorevole e precipitazioni piovose e soprattutto nevose più abbondanti, permettevano allo specchio d'acqua di superare con relativa semplicità il periodo più critico, quello estivo. Inoltre parecchia ghiaia e sassi sono caduti durante questo lungo arco di tempo che hanno pian piano riempito l'invaso.

La foto di destra l'ho scattata nell'estate del 2007. Netta la differenza soprattutto degli argini del lago che ora risultano molto più alti a testimonianza di quanti detriti inevitabilmnente continuano a cadere dall'alto. Molti per cause naturali ma a volte l'incuria di alcuni escursionisti, che preferiscono scendere fuori sentiero, accellerano questo inarrestabile processo di riempimento.

Dirigendosi verso il lago percorrendo perpendicolarmente  i ghiaioni sopra di esso, a volte correndo rischiando anche di farsi discretamente male, non è una saggia decisione e si rischiano anche delle multe discretamente salate. Seguiamo sempre il sentiero principale. 

Un grande grazie a Renato per il prezioso contributo che ci ha riportato indietro di un bel pò!!

<<< Home

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna