I sentieri per il M. Bove


Monte Bicco. La cresta Nord-Ovest Stampa E-mail
Share
Il Bove - I sentieri per il M. Bove
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Giovedì 20 Dicembre 2012 17:00

TRA ROCCE E ROCCETTE, LA FENOMENALE E DIVERTENTE CRESTA NORD-OVEST PER IL MONTE BICCO (difficoltà E/EE)

All'interno del comprensorio del Monte Bove, sono diversi le escursioni ad anello che si possono percorrere in un ambiente molto ricco del punto di vista paesaggistico con la possibilità anche di intercettare qualche camoscio appenninico reintrodotti qualche anno fa nell'ambito di un importante progetto.

Bisogna fare altresì attenzioni ad alcuni divieti che, per salvaguardare il progetto stesso della reintroduzione dei camosci, ci impediscono, a periodi alternati nell'arco di un anno, di poter raggiungere la vetta del Bove Nord e la Croce del Bove Nord. Appositi cartelli sono dislocati lungo la linea sentieristica man mano che ci si avvicina alle aree critiche; il mancato rispetto delle vigenti regole comportano multe decisamente non gradite (scaricate la cartina dei divieti).

 
Il Bove. La partenza da Macchie Stampa E-mail
Share
Il Bove - I sentieri per il M. Bove
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Venerdì 30 Aprile 2010 15:50

I PERENTORI ED INQUIETANTI CONTRAFFORTI DI PASSO CATTIVO DURANTE L'ASCESA AL BOVE SUD ( difficoltà EE)

Perchè si chiama Passo Cattivo? Il nome è sicuramente legato alle molteplici leggende e storie più o meno fantastiche che da sempre hanno reso e rendono tutt'ora affascinante il piccolo mondo dei Monti Sibillini. Per risalire al suo significato apriamo una piccola parentesi. Innanzitutto, in che posizione si trova il Passo Cattivo? Se andiamo ad analizzare bene la sua locazione, è una barriera naturale che separa la valle del fiume Tenna da quella del fiume Nera. 

Una spiegazione di questo genere ancora non chiarisce il perchè questo luogo abbia un nome così tanto curioso quanto "cattivo"; se però ci affianchiamo il fatto che da qui si raggiungono le orride gole dell'Infernaccio, allora il quadro inizia a farsi più chiaro. Ma non basta! Bisogna capire ora perchè l'Infernaccio è chiamato in questo modo. Entra in gioco la leggenda della fata Sibilla che, sebbene per gli abitanti delle montagne le Sibille erano considerate un oracolo, delle figure da venerare, con l'avvento del Cristianesimo erano state declassate e trasformate inesorabilmente in perfide e terribili rappresentazione del male.

 
Il Bove. La partenza da Casali Stampa E-mail
Share
Il Bove - I sentieri per il M. Bove
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 29 Luglio 2009 21:25

DA CASALI FINO ALLA IMPRESSIONANTE E POSSENTE MURAGLIA DI FORCA DELLA CERVARA PROSEGUENDO VERSO IL M. BOVE SUD (difficoltà EE)

La Val di Panico è una tra le vallate più belle che ci sono nei nostri Sibillini e percorrerla nella sua interezza è certamente motivo di grande soddisfazione. La splendida valle si trova immersa tra due creste straordinarie che uniscono vette importanti: quella che da Pizzo Tre Vescovi si snoda verso il massiccio del Pizzo Berro e quella che dal M. Bove Nord e dalla sua Croce, collega il M. Bove Sud.

La valle si interrompe con  il tratto di cresta che a mio parere è il più suggestivo ed emozionante da percorrere; è chiamata Forca della Cervara o Forcella della Neve ed unisce il M. Bove Sud con il Pizzo Berro.

 
Il Bove. La partenza da Frontignano Stampa E-mail
Share
Il Bove - I sentieri per il M. Bove
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Lunedì 12 Gennaio 2009 15:34

DA FRONTIGNANO AL BOVE NORD PASSANDO PER MONTE BICCO, BOVE SUD ED UNA PUNTATINA A FORCA DELLA CERVARA (difficoltà EE)

E' un bell'anello da fare, (peccato per i tralicci degli impianti da sci che rovinano la visuale ed il panorama non è certamente quello incontaminato delle creste del Lago di Pilato!). Diciamo che, se lo si vuole fare tutto questo giro, è senz'altro classificato con una difficoltà EE in quanto è abbastanza lungo e si viaggia comunque intorno ai 2.000 metri ed anche oltre. C'è un piccolo trucchetto per poter fare meno fatica e guadagnare abbastanza tempo.

Allora, cominciamo con il dire che il punto di partenza, è il parcheggio antistante l'Hotel Felicyta a Frontignano. Alla sua destra ed alla sua sinistra, partono i sentieri che portano rispettivamente al Bove Sud (N. 271) ed al Bove Nord (N. 272).