Le perle nella gola del Fiastrone Stampa E-mail
Share
Fiastrone
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 14 Gennaio 2009 13:19

GOLA DEL FIASTRONE-GROTTA DEI FRATI-LAME ROSSE:
LA NATURA INCANTA

Sono tre stupende gemme racchiuse in un angolino di questo straordinario Parco Nazionale dei Monti Sibillini che, nonostante me lo stia girando in lungo e largo, non finisce mai di stupire.

La prima gemma preziosa e mi riferisco alla gola è, insieme a quella dell'Infernaccio, l'ennesima conferma di come la natura zitta zitta e con pazienza, si modifichi intorno a noi regalandoci spettacoli che per fortuna non richiedono un biglietto per vederli; sarebbe proibitivo per chiunque acquistarlo!

In questo caso, è il fiume Fiastrone che si è fatto strada per millenni scavando un kanyon di enorme interesse naturalistico.

Un taglio in un gigantesco massiccio calcare che si interna per qualche centinaia di metri; un'azione erosiva tanto paziente quanto straordinaria da far restare a bocca spalancata.

Il Fiastrone, in origine Flusor, nasce nelle vicinanza del rifugio del Fargno, vicino Bolognola. La diga, che attualmente lo ostruisce formando il lago di Fiastra, fu ultimata nel 1952.

La seconda gemma preziosa è la grotta dei Frati che sovrasta la gola.

Che cosa è questa grotta? In pratica è una caverna che veniva usata come luogo di preghiera dai Benedettini e dal 1200 abitata da dissidenti dell'ordine francescano, i Frati Clareni i quali si impegnarono a costuirvi una piccola chiesa dedicata a S. Egidio e successivamente, nel 1234 conosciuta anche sotto il nome di S. Maria Maddalena de Specu.

La vista che offre questa caverna di origine carsica è veramente molto suggestiva; la gola si snoda ai suoi piedi inoltrandosi in quella strettissima confluenza dove le due metà della montagna si sfiorano.

Siamo giunti alla terza gemma ma non per questo meno importante, le Lame Rosse; acqua, vento, neve hanno modellato delle montagne di roccia rossa, creando incredibili pinnacoli, incantevoli torrioni, spettacolari guglie.

Un paesaggio che mai avreste immaginato di ammirare in un luogo del genere.

Non ci sono parole per descrivere un vista di questo tipo; è sbalorditivo come la natura riesca a dipingere stupendi panorami con tanta facilità e pazienza.

L'armonia delle forme è una perfezione assoluta ed il tutto si fonde in un contesto nel quale le Lame Rosse, in fin dei conti, non centrano niente con ciò che le circonda; come se qualcuno le avesse prese da un luogo remoto, incantato e inserite in un ambiente totalmente estraneo.

Ma è questo che fa spalancare gli occhi. Provare per credere!

Gola del Fiastrone, grotta dei Frati, Lame Rosse....ma che spettacolo è???

<<< Home