Banner
Banner

I sentieri perduti volume 1

Paesini "fantasma"

Escursioni/Eventi in programma


by AG

Accedi/Registrati



Ultimi commenti

  • Ad un mese dal 6.5
    AGGIORNAMENTO DEL 08/06/2017 Sul sito del Parco è ...
    10.06.17 00:23
    By tongald
  • Ad un mese dal 6.5
    Rappresentazion e delle limitazioni alla circolazi...
    03.05.17 23:13
    By tongald
  • Ad un mese dal 6.5
    Monte Sibilla dal rifugio Sibilla tutto ok!!!
    03.05.17 23:05
    By tongald
  • Ad un mese dal 6.5
    Dal 13 Aprile è riaperta la Taverna della Montagna...
    12.04.17 19:09
    By tongald

Ricevi le news

Iscriviti

Privacy e Termini di Utilizzo

Brevi news

Monti Sibillini: ucciso un altro lupo!
Sabato 17 Gennaio 2015
 UN ALTRO LUPO SOTTO LE GRINFIE DEI BRACCONIERI!Purtroppo, ancora... Leggi tutto...
Ricoverato il muratore di Dio!
Sabato 22 Novembre 2014
PADRE PIETRO LAVINI SOCCORSO DALL'ELIAMBULANZA!Quanti di noi... Leggi tutto...
Spezzato il volo libero di un'Aquila Reale!
Lunedì 16 Gennaio 2012
 UN PATRIMONIO DEI SIBILLINI ABBATTUTO DAI BRACCONIERI! Dopo la... Leggi tutto...
Non c'è limite all'odio!!
Sabato 29 Gennaio 2011
DECAPITATO UN LUPO E MOSTRATA LA SUA TESTA COME UN TROFEO:... Leggi tutto...
Si alza il sipario sulla Sibilla!
Lunedì 23 Agosto 2010
RIVALUTAZIONE DEL M. SIBILLA E DELLA SUA FAMOSA GROTTA  La Sibilla... Leggi tutto...

M. Azzurri al TG1

Neve Lame Rosse. Giampiero

Get the Flash Player to see this rotator.
Powered By Joomla.it
cartina

Sondaggio

La vetta che ti appartiene:
 
Morso di Vipera: cosa fare e cosa non fare Stampa E-mail
Share
Utility
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Domenica 18 Gennaio 2009 19:24

Importante: le informazioni sotto riportate, non sostituiscono la consulenza di un medico, ma hanno semplicemente uno scopo orientativo su cosa fare nell'istante immediatamente successivo al morso di una Vipera.

La comune Vipera Aspis, è presente in tutte le regioni italiane (trenne la Sardegna) sia in pianura che in montagna; ci sono poi la Vipera Berus, e la Vipera Ammodytes diffuse specialmente nel nord Italia mentre quella caratteristica delle regioni centrali al di sopra dei 1.500 metri è la Vipera Ursini.

Il suo morso è di solito caratterizzato da due piccoli forellini distanziati di circa 1cm l'uno dall'altro e nelle vicinanze si notano le impronte degli altri denti mascellari che non sempre sono visibili soprattutto se il morso è avvenuto sopra dei calzettoni.

In ogni caso, non facile individuare il punto esatto in cui è avvenuto perchè la maggior parte delle volte, viene inferto con un solo dente mentre le impronte circostanti sono virtualmente invisibili. Perciò, se non siete in grado di riconoscere a prima vista i serpenti, l'unico modo per poter distinguere se è stata una Vipera a mordervi, è il dolore prolungato e locale.

Nella figura, a sinistra il morso di un serpente comune e a destra quello di una vipera.

Ma come è fatta una Vipera? E' un serpente lungo circa un metro di color grigio-marrone a volte anche rossastro o giallastro. La caratteristica principale che la distingue dagli altri suoi simili è l'avere la testa più larga rispetto al resto del corpo e soprattutto è a forma triangolare; inoltre le sue pupille sono verticali e non rotonde. E' un animale che d'inverno va in letargo e, quando in primavera si risveglia, il suo habitat ideale sono le pietraie, l'erba alta soprattutto nei giorni in pieno sole e giornate molto calde che seguono periodi di pioggia.

Le figure che seguono, mostrano a sinistra la testa di un serpente comune, e a destra la testa della Vipera.

     

        

Non è un'attagabrighe; un minimo di rumore la fa allontanare e fuggire, (i serpenti sono sordi ma reagiscono alle vibrazioni del terreno), non attacca mai se non costretta (calpestata o se incautamente appoggiamo ad esempio un braccio o una mano in prossimità di una pietra dove si trova ranicchiata: il suo istinto la porta a proteggersi).

Il morso di Vipera, è meno mortale di quanto comunemente si crede ma non va assolutamente sottovalutato. Mediamente il veleno iniettato non dovrebbe essere molto pericoloso per un uomo adulto ma le variabili sono parecchie: da quanto sono piene le ghiandole velenifere della Vipera e quindi dalla quantità di veleno iniettato, dal modo e dal punto in cui i denti affondano nella carne, (più pericolosi i morsi al collo, al torace o alla testa; molto meno quelli agli arti).

Dipende anche dalla massa corporea del malcapitato. Può essere veramente pericoloso per bambini di età inferiore ai 6-8 anni.

Vediamo quali sono i sintomi locali e generali che la vittima prova in seguito al morso.

- Sintomi locali: innanitutto un dolore intenso nella zona colpita accompagnato da gonfiore ed emorragia a chiazze dopo circa 10 minuti con crampi più o meno forti.

- Sintomi generali: dopo all'incirca 30 minuti - 1 ora, si possono manifestare sensi di vertigini, calo della temperatura, cefalea, una riduzione della pressione arteriosa arrivando fino allo stato di shock, taticardia, vomito, diarrea. In casi particolarmente gravi si ha anche una difficoltà respiratoria. Uno dei primi segnali della gravità della situazione è dato dal fatto che la vittima ha difficoltà a mantenere le palpebre aperte a causa dell'interessamento del sistema nervoso.

ALLORA RAGAZZI, IN AZIONE ED ECCO COSA BISOGNA FARE:

prima di tutto mantenete la calma e sangue freddo; se non siete in grado di farlo, non riuscirete a tranquillizzare la vittima che è una delle principali azioni da svolgere se non addirittura la più importante. Detto questo, fate sdraiare il paziente e poi la prima cosa da fare è impedire al veleno di diffondersi per l'organismo. E' molto utile spremere la ferita immediatamente dopo il morso per cercare di farne uscire il maggior quantitativo possibile.

Se la parte colpita è un arto bisogna applicare e stringere con un laccio, una cintura, la parte a monte del morso all'incirca 5 centimetri più in alto.

Deve essere stretta a sufficienza per bloccare la circolazione linfatica, quella attraverso la quale il veleno si diffonde più velocemente.Verificate però che si riesca a sentire il battito del cuore a valle del laccio che quindi non deve essere stretto molto. Più indicata sarebbe una fasciatura molto più stretta a monte del morso, sino alla fine dell'arto. Ridurre al minimo i movimenti; se possibile steccare l'arto e fare in modo che la zona colpita rimanga sempre più bassa rispetto al cuore. Per aspirare il veleno ci sono in commercio delle apposite coppette aspiratrici che sarebbe opportuno e saggio portare nello zaino. Se non le avete non preoccupatevi. Lavate la ferita con dell'acqua ossigenata o acqua soltanto, bendatela con un indumento pulito: sarebbe meglio una garza sterile.

Se la parte interessata è il collo, la testa o il tronco (zone del corpo dove non si può stringere con una fascia), bisogna applicare un cerotto adesivo elastico in modo che comprima il più possibile la parte intorno al morso per ritardare l'entrata in circolo del veleno. In ogni caso sarebbe opportuno esercitare una certa pressione per guadagnare tempo.

Se il tutto viene fatto in modo efficace, i sintomi vengono ritardati di un bel pò da 1 a 6 ore circa. Perciò valutate tutto in base alla distanza ed al tempo che dovete impiegare per trasportare il paziente al più vicino pronto soccorso. Nel caso in cui la Vipera si stata uccisa, sarebbe opportuno portarla con se per l'eventuale identificazione.

ATTENZIONE INVECE A COSA NON DOVETE FARE:

non far agitare la vittima e non farla muovere. Non sollevate per nessun motivo l'arto colpito con cuscini o altri supporti e non cercate di incidere la ferita e succhiarne via il veleno con la bocca: basta un niente per essere infettati (labbra screpolate, carie). Non disinfettate con alcool in quanto il veleno forma dei composti tossici.

Non somministrate assolutamente il siero antivipera: si rischia lo shock anafilattico. E' una scelta che deve essere fatta esclusivamente dal personale medico. Non somministrare al paziente nessun tipo di antidolorifico o antinfiammatori che possono avere effetti anticoagulanti.

PER LIMITARE IL RISCHIO DI FARE TUTTO CIO'...LA PREVENZIONE

Prima di sostare per un pranzetto in montagna, evitate di scegliere se possibile zone pietrose esposte a sole e con sterpaglia alta. In ogni caso è bene far molto rumore con dei bastoni per spaventarle. Sono animali schivi e ciò li spingerà a scegliersi dei luoghi più tranquilli. Non spostate sassi, ed indossate calzature adatte che limiterebbero di molto le conseguenze di un morso (scarpe da trekking e calzettoni). Se avvistate una vipera cercate di stare calmi e non fate assolutamente niente: sarà lei che penserà ad andarsene e a lasciarvi tranquilli.

Ricordatevi sempre che non sono animali cattivi o terribili: vivono secondo la loro natura così come noi viviamo secondo la nostra. Vanno semplicemente rispettati.

<<< Home