Notizie e curiosità dall'Infernaccio


Ciao Padre Pietro! Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Domenica 09 Agosto 2015 22:10

SEMPLICEMENTE GRAZIE! 

Come eredità non ci ha lasciato solo lo splendido gioiellino dell'eremo di S. Leonardo che ha ricostruito con pazienza, fatica e dedizione ma anche e soprattutto, un segno indelebile e profondo nel cuore di chi lo ha conosciuto, di chi ci ha scambiato solo una parola, di chi magari ne ha solo sentito parlare per aver ricostruito da zero un eremo "Lassù sui monti...", di chi lo ha visto solamente scendere con il trattorino verso le Pisciarelle e domandarsi "....ma chi è questo...."; un segno indelebile in tutte quelle persone che sono salite da lui per ricevere una parola o una frase di conforto o solamente tranquillità e coraggio nell'osservare i suoi modi di fare umili al di fuori di ogni schema che la vita di oggi ci propone.

 
....60 anni e non sentirli! Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Dany   
Domenica 15 Luglio 2012 16:03

PADRE PIETRO LAVINI: INSTANCABILE MURATORE....

Nel nostro girare per i Monti Sibillini, non dimentichiamo mai di fare un salto da Padre Pietro Lavini,e così lo scorso mercoledì siamo saliti a mo' di turisti all'Eremo di San Leonardo. Adagiato sulla base della scalinata, in ottima forma, c'era proprio il festeggiato. Si perchè, di li a due giorni, venerdì 13 luglio 2012 festeggiava i suoi "primi" 60 anni di sacerdozio.

Sempre cordiale nell'accoglienza e con una pacatezza nei modi che il sol parlare con lui ti catapulta in una dimensione fatta di tranquillità e quieto vivere. Il campanile è ultimato ed ora si sta dedicando alla costruzione della seconda scalinata che conduce all'ingresso della Chiesa. Non un eroe o un mito dei nostri tempi ma come dice lui "un semplice frate muratore" al servizio di Dio.

Una tappa in questo luogo è consigliata e non dilungatevi troppo nel fargli gli auguri per i suoi 60 anni di sacerdozio perchè sono una cosa troppo lontana per una persona che come lui è proiettata nel futuro e vive in uno scenario così incantevole che non conosce lo scorrere del tempo.

I vagabondi del mercoledì

Home

 
Eremo e Golubro al centro di numerosi pellegrinaggi Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 07 Gennaio 2009 19:15

 L'IMPORTANZA DEL "GOLUBRO" E LA STORIA DELL'EREMO DI S. LEONARDO

Pochissimi persone erano a conoscenza di una antichissima chiesetta situata a strapiombo su di uno sperone proprio sopra la gola dell'Infernaccio; qualche pastore o escursionista occasionale e solamente consultando qualche vecchia cartina topografica era possibile rintracciare il luogo dove era presente una piccolissima croce segno inequivocabile della presenza in passato di una minuscola chiesa.

Quando Pietro Lavini cominciò a scavare nei dintorni con l'intenzione di ricostruire quell'antico edificio, don G. Crocetti, che per primo successivamente ne descriverà la storia in un suo libro (S. Leonardo: l'eremo dei Sibillini), gli raccomandò di fare molta attenzione perché poteva trovare delle meravigliose sorprese tra i ruderi di uno degli eremi più antichi e belli di tutte le Marche.

Ma come mai fu costruito un tempio in una zona così difficilmente raggiungibile impervia e molto scomoda?? Per rispondere a questa domanda bisogna fare senz'altro un bel tuffo nel passato e considerare e comprendere al meglio le origini e lo sviluppo che ha avuto il Golubro nel corso dei secoli.

 
Balli e canti risuonavano nella gola Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 07 Gennaio 2009 18:52

 LA LEGGENDA NELLA GOLA DEL GOLUBRO

Molto tempo fa, la strada che conduceva alla gola veniva chiamata "Balleria" un luogo cioè dove le fate, dopo aver lasciato la non lontana grotta della Sibilla, giungevano per ballare. I vecchi montanari del luogo raccontavano che una sera le fate chiesero il permesso alla Regina Sibilla per partecipare ad un ballo notturno che si teneva proprio nella gola dell'Infernaccio.

"Andate, andate pure" - rispose loro la Regina - "ma ricordate e tenete bene in mente di rientrare nella grotta prima dell'alba. Che nessun raggio di sole vi sorprenda per strada..." Le fanciulle perciò mossero verso la gola entusiaste per la nottata che le attendeva. Ma l'entusiasmo fu tanto e nessuno di loro si accorse che le prime luci dell'alba avevano già lasciato l'orizzonte. Sorprese, sbigottite e nonchè impaurite ed in preda all'ansia, se ne andarono frettolosamente verso la grotta lasciando dietro di loro una scia più chiara che ancora oggi si distingue sul dorso della montagna. La gente la chiama il "cammino delle fate".

<<< Torna alla Home dell'Infernaccio  Home

 
La ricostruzione dell'eremo mattone su mattone Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 07 Gennaio 2009 18:35

 PIETRO PADRE LAVINI: IL MURATORE DI DIO

"Tuffarsi nel passato e rivivere tanti bellissimi ricordi, potrebbe essere come una doccia refrigerante in una giornata afosa d'estate".

E' uno dei pensieri che attraversò la mente di Padre Lavini nel momento in cui fu invitato a scrivere le "memorie" di questo posto prima che tutto vada perduto prima che il tempo decida di cancellare le tradizioni, leggende, ricordi dei vecchi montanari che per generazione hanno vissuto tra questi monti.

E' nato a Potenza Picena (MC) da una famiglia di operai e già a nove anni entrò nel Collegio dei Cappuccini di Fermo nel quale all'età di 25 anni celebrò la sua prima messa per poi proseguire la sua missione sacerdotale presso il Santuario di Madonna dell'Ambro. Senza mai perdere di vista la sua vera missione, si dedicò molto anche ad una sua grande passione: le opere murarie. Sono stati importanti i suoi interventi in molti conventi d'Italia ed anche in Africa.