La ricostruzione dell'eremo mattone su mattone Stampa E-mail
Share
Infernaccio - Notizie e curiosità dall'Infernaccio
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Mercoledì 07 Gennaio 2009 18:35

 PIETRO PADRE LAVINI: IL MURATORE DI DIO

"Tuffarsi nel passato e rivivere tanti bellissimi ricordi, potrebbe essere come una doccia refrigerante in una giornata afosa d'estate".

E' uno dei pensieri che attraversò la mente di Padre Lavini nel momento in cui fu invitato a scrivere le "memorie" di questo posto prima che tutto vada perduto prima che il tempo decida di cancellare le tradizioni, leggende, ricordi dei vecchi montanari che per generazione hanno vissuto tra questi monti.

E' nato a Potenza Picena (MC) da una famiglia di operai e già a nove anni entrò nel Collegio dei Cappuccini di Fermo nel quale all'età di 25 anni celebrò la sua prima messa per poi proseguire la sua missione sacerdotale presso il Santuario di Madonna dell'Ambro. Senza mai perdere di vista la sua vera missione, si dedicò molto anche ad una sua grande passione: le opere murarie. Sono stati importanti i suoi interventi in molti conventi d'Italia ed anche in Africa.

E' dal 1971 che, spinto da una forza tanto spirituale quanto misteriosa, che si è dedicato alla ricostruzione dell'attuale Eremo di S. Leonardo. Un giorno, nel periodo in cui esercitava nel Santuario dell'Ambro, salì con un suo amico sul monte dove si trova l'attuale eremo solo che allora era un rifugio per le bestie, un rudere che cadeva a pezzi. Un'ispirazione pervase il suo cuore: l'idea di ricostruire quell'antica chiesetta divenne ben presto realtà.

Giorno e notte non si dette pace; sempre a pensare e ripensare su come avrebbe fatto a ricostruire quell'antico eremo in un luogo così impervio e inaccessibile. Anche l'idea di accennare il tutto al suo superiore non gli faceva dormire sonni tranquilli ma alla fine gli fu dato il permesso di dare sfogo al suo progetto a patto che non avrebbe dovuto interferire con le finanze del Santuario dell'Ambro e con le sue attività.

Il 24 Maggio 1971 iniziò, pietra dopo pietra, a ricostruire quell'antico eremo tra una messa e l'altra e soprattutto sacrificio dopo sacrificio. Se non lo avete ancora visto vi consiglio di visitarlo. E' straordinario non solo per la parte architettonica ed esteriore, ma soprattutto per quello che trasmette e per il suo significato. Un uomo che da solo è riuscito a realizzare una tale opera d'arte!!! E' qualcosa di veramente straordinario!

Ma forse le vere difficoltà incontrate sono state quelle burocratiche; dalle carte e scartoffie incomprensibili, all'ispiegabile sparizione di certe concessioni in comune; da quel tale che avrebbe voluto costruire un rufugio ristorante proprio lì fino ad arrivare all'abbattimento del campanile da parte degli ambientalisti con la scusa che disturbava la fauna della zona.

Per non parlare poi dei 25 milioni di lire raccolti dalle offerte di coloro che passavano a visitare l'eremo e che P. Pietro avrebbe voluto inviare in un villaggio africano dove aveva lavorato anni prima come missionario, mentre li avrebbe dovuti utilizzare per ricostruire quel campanile abbattuto semplicemente per ripicca.

E poi quanti quintali di ferro e cemento trasportati per anni e anni sempre senza un lamento per i sentieri con una carriola. Man mano che proseguiva nella sua opera si rendeva sempre più conto di quello che stava facendo: non era solamente una ricostruzione di un antico eremo, ma anche una ricostruzione spirituale di tutte quelle persone che sarebbero salite a trovarlo. Se un uomo è riuscito a fare tanto vuol dire che tutti i problemi della vita possono essere risolti se affrontati con umiltà, coraggio e...fede.

Ma Padre Pietro Lavini ha scoperto di più; l'eremo di S. Leonardo è anctichissimo risalente addirittura all'ottavo secolo dopo Cristo ed era una tappa importante tra Marche ed Umbria per chi voleva raggiungere Roma. Inoltre con delle continue ricerche ha potuto affermare che in quel luogo è nato l'ordine dei Cappuccini ad opera di due francescani fuggiti dal loro convento per ritornare ad una vita più evangelica (all'epoca per un atto di questo genere si rischiava la morte per eresia).

L'eremo di S. Leonardo è, attualmente (2008), ancora in costruzione. P. Pietro sta continuando il suo immenso lavoro iniziato quasi 40 anni fa; stiamo agli sgoccioli e credo che molto presto lo terminerà con l'aiuto di quella fede che non lo ha mai abbandonato.

<<< Torna a Notizie e curiosità dall'Infernaccio  Torna alla Home dell'Infernaccio  Home

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna