Cosa sono le doline? Stampa
Share
Palazzo Borghese - Notizie e curiosità da Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Lunedì 12 Gennaio 2009 19:59

A volte forse vi sarà capitato di vedere numerose "buche" concentrate in una parte ben definita della montagna. Questi avvallamenti di forma più o meno circolare, prendono il nome di doline.

E' una parola di origine slovena che significa valle. Lo studio e l'interesse per questi fenomeni carsici, ha avuto inizio in Slovenia e la terminologia internazionale ha fatto proprio questo termine per definire la "valle carsica" praticamente una depressione del terreno che assume varie forme dovute a fenomeni di carsismo.

Ne esistono di diversi tipi ma quelle presenti nei Sibillini sono chiamate "ad imbuto" cioè quando la profondità è minore del diamentro. In caso contrario già si parla di "abisso".

Nonostante vengano chiamate "ad imbuto" di solito hanno una forma di ciotola, di bacinella.

Nelle doline molto grandi, ed in questo caso parliamo addirittura di "valli ad imbuto", il fondo di solito è costituito da sostanze organiche oltre che di detriti calcarei, e spesso assumono un colore rossastro dovuto all'ossido di ferro.

E' perciò molto fertile e coltivato ad orto o a vigna; infatti la sua particolare forma, consente un ottimo riparo dai venti e dalle bore. In particolari doline, si sviluppa addirittura un microclima adatto alla flora locale nonchè a molti aspetti dell'agricoltura.

Si ha inoltre, molto spesso, il fenomeno dell'inversione termica: la temperatura scende man mano che si raggiunge il fondo della dolina e la differenza può essere anche di parecchi gradi in meno; si ha l'effetto contrario di quando si sale in montagna.

<<< Torna a Notizie e curiosità da Palazzo Borghese  Torna alla Home di Palazzo Borghese  Home