I sentieri per Palazzo Borghese


Palazzo Borghese. La partenza da Foce (F.so Zappacenere) Stampa E-mail
Share
Palazzo Borghese - I sentieri per Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Sabato 12 Dicembre 2009 13:45

UNO STRAORDINARIO SCENARIO DOLOMITICO FINO A PALAZZO. DAL FOSSO ZAPPACENERE UNA TRAVERSATA TRASVERSALE SOTTO GLI OCCHI DELLA FATA SIBILLA ( difficoltà EE)

Sarà una lunga e faticosa escursione per raggiungere Palazzo Borghese ma dal fosso Zappacenere io la rifarei mille volte...Ci troviamo a percorrere un sentiero dal quale  balzi rocciosi e straordinarie vedute quasi dolomitiche ci accompagnano per quasi tutta la durata di questa avventura. Il versante di Foce della cresta che dal Monte Porche conduce alla Sibilla è da lasciare a bocca aperta e ricoperta poi da un leggero strato di neve è ancora tutto più meraviglioso.

Parcheggiata l'auto sulla piazzetta del grazioso paesino, ritorniamo indietro percorrendo un breve tratto di strada asfaltata fino a quando a sinistra troviamo una sterrata in prossimità di un casettina e di innumerevoli tavolinetti di legno pronti ad attenderci al ritorno.

Da qui ci incamminiamo con l'accortezza di procedere subito sul sentiero che è impossibile non notare e che sale alla vostra destra. Anche proseguendo dritti si raggiunge Palazzo Borghese percorrendo il Canale che vi porta proprio ai piedi del massiccio roccioso dove in primavera si forma il Laghetto (escursione già descritta) ma per il fosso Zappacenere non è la via da seguire.

 
Palazzo Borghese. La partenza da Foce (il Canale) Stampa E-mail
Share
Palazzo Borghese - I sentieri per Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Martedì 02 Giugno 2009 09:00
DA FOCE DI MONTEMONACO L'ENNESIMA VIA PER RAGGIUNGERE PALAZZO BORGHESE ED IL SUO CARATTERISTICO LAGHETTO TEMPORANEO (difficoltà E)
 
Tra tutti i sentieri che conducono a Palazzo Borghese, quello che inizia dall'abitato di Foce di Montemonaco percorrendo "il Canale" è probabilmente il meno spettacolare nel senso che non ci sono le ampie vedute e spazi aperti che offrono gli altri tracciati ma l'impatto visivo che si ha quando si giunge ai piedi dell'immensa parete rocciosa, regala all'escursionista un brivido intenso ed emozionante che lo appaga in pieno.
 
Inoltre, se avete l'oppotrunità di visitarlo nei mesi di Maggio-Giugno, un preziosissimo quanto grazioso laghetto temporaneo, giace alla sua base, habitat naturale di un altro piccolo crostaceo endemico  dopo quello del lago di Pilato: il Chirocefalo della Sibilla.  
 
Ma vi dirò di più; se poi sbagliate sentiero come è capitato a me durante l'ascesa a Palazzo, potete raggiungere il laghetto facendo anche un tratto in cresta a ridosso del Pian delle Cavalle dove si scopre in tutta la bellezza l'intera Valle del Lago su su fino alle pendici di Pizzo del Diavolo e l'intera cresta che unisce il Monte Porche alla Sibilla.
 
Palazzo Borghese. La partenza da Castelluccio Stampa E-mail
Share
Palazzo Borghese - I sentieri per Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Lunedì 25 Maggio 2009 23:10
ATTRAVERSO I COLLI ALTI E BASSI E PERCORRENDO LA STRADA IMPERIALE: PALAZZO BORGHESE (difficoltà E)
 
Passo di Palazzo Borghese o di Sasso Borghese, possiamo definirlo come il crocevia di numerosi sentieri che si intersecano fra di loro, il luogo dal quale possiamo dirigerci da qualsiasi parte se qualcuno ci calasse con un elicottero proprio lì; dalla cresta che unisce il Porche e la Sibilla a quella che, scendendo a Forca Viola, unisce Quarto S. Lorenzo fino a Cima di Pratopulito; dal lago di Pilato sempre da Forca Viola alla cresta che ci conduce al Monte Bove Sud passando per Passo Cattivo dal quale poi si può raggiungere l'Infernaccio; possiamo arrivare a Foce in poco tempo o ai campi di sci del Monte Prata o raggiungere il paese delle lenticchie: Castelluccio ed è proprio questo percorso che descriverò qui!!
 
Il sentiero che unisce Palazzo Borghese a Castelluccio è probabilmente molto conosciuto almeno per quanto riguarda il primo tratto che è in comune con quello che ci porta al lago di Pilato.
 
Palazzo Borghese. La partenza da Frontignano Stampa E-mail
Share
Palazzo Borghese - I sentieri per Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Lunedì 12 Gennaio 2009 22:52

PALAZZO BORGHESE PER PASSO CATTIVO E LA SUGGESTIVA VISTA DELLA SIBILLA (difficoltà EE)

Un'altra via per raggiungere Palazzo Borghese e devo dire che è veramente bella, panoramica e....lunga ma ne vale veramente la pena. E poi c'è Passo Cattivo; un suggestivo quanto mai affascinante passaggio che da solo vale la relativa fatica giornaliera; per non parlare poi della Sibilla, vista da un'angolatura particolare e dell'inizio della Valle Lunga dove rimarrete veramente sbalorditi per la sua conformazione. Ma andiamo con ordine.

Il punto di partenza, è lo stesso dell'escursione del Bove. In pratica, fino alla statua del Cristo, si percorre il sentiero N. 271 che ha inizio a destra dell'Hotel Felycita e che si snoda dentro un canalone sotto la seggiovia. Considerate che questo è il tratto più duro dell'intero percorso a meno che non abbiate deciso di pagare il biglietto e salire sulla seggiovia appunto (se è aperta naturalmente).

 
Palazzo Borghese. La partenza dal M. Prata Stampa E-mail
Share
Palazzo Borghese - I sentieri per Palazzo Borghese
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Lunedì 12 Gennaio 2009 21:09

A CAVALLO SULLA "SELLA"  DI PALAZZO BORGHESE (difficoltà E) PER L'ARGENTELLA E FORCA VIOLA (difficoltà EE)

Un nome curioso, un luogo suggestivo ed incontaminato non difficile da raggiungere e nonostante tutto ci troviamo sopra quota 2.000 m.

Arrivare a Palazzo Borghese partendo dal M. Prata, non è una grossa impresa, anche se non mancano alcuni passaggi dove la salita si fa sentire soprattutto nel primo tratto e per primo tratto intendo quello che ha inizio a Fonte Jumenta perchè per arrivare fin qui ci sono circa 2 Km di strada sterrata da fare a piedi quasi totalmente in pinura e per nulla faticosi che però portano via del tempo.

Potete fare scorta di acqua arrivati alla fontana prima di iniziare la salita; ce n'è un'altra appena scesi dalla macchina ma secondo me non conviene riempirsi lo zaino ora sempre che non ve la siate portati da casa.