I sentieri e luoghi dimenticati dei Monti Sibillini Stampa
Share
Monti Sibillini - Sentieri dimenticati: introduzione
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Venerdì 24 Aprile 2009 00:25

Carissimi amici, è qui descriverò le mie "avventure" alla ricerca dei sentieri e dei luoghi dimenticati seguendo le indicazioni contenute nel libro di Massimo Spagnoli. Cercherò di arricchirle con tanta passione e dipingerli con tanto colore così come ho fatto fino ad ora con tutto quello che avete potuto leggere su Trekkingmontiazzurri.

Naturalmente sarò lieto di inserire anche i vostri articoli ed esperienze se qualcuno avrà voglia di condividere la proprie emozioni alla ricerca di queste antiche vie riportate alla luce, o se volete possiamo scambiarci opinioni nel forum nell'area dedicata. Questa "facciata" del sito sarà accessibile a tutti ma per leggere la descrizione delle "passeggiatine" bisognerà effettuare una semplicissima registrazione.

Dalla lettura del fantastico libricino "Sentieri e luoghi dimenticati dei Monti Sibillini", ho deciso di pubblicare questo spazio innanzi tutto per rendere omaggio e ringraziare Massimo Spagnoli e tutta la sua squadra per averci dato la possibilità di  godere fino in fondo il piacere di vivere i Monti Sibillini nella loro interezza di suggestività di paesaggi e panorami.

E' uno splendido volume che riporta in superficie venti sentieri percorsi secoli e secoli fa da montanari, carbonai, pellegrini e che progressivamente sono stati abbandonati o per volere della natura, che ha preso il sopravvento, o perchè sostituiti con altre vie più accessibili e facili da percorrere.

Ci sono indicazioni precise, foto, cartine ed anche consigli su come rintracciarli e ripercorrerli. Leggendo, non tutti sono semplici, anzi...alcuni sembrerebbero avere un discreto livello di difficoltà con tratti esposti e pericolosi che probabilmente mettono a dura prova la nostra preparazione. E' bene perciò secondo me tenere bene a mente, se avete il desiderio di scovarli e rintracciarli, fino a che punto vi volete spingere nel momento in cui vi trovate un pò in difficoltà. Siate quindi sempre molto prudenti e valutate le vostre capacità e abilità.
 
Quello che troverete qui, sarà innanzi tutto la mia esperienza personale, le mie paure, le mie emozioni, le difficoltà che incontrerò, le mie foto, le mie rinunce (non so se sarò in grado di portare a termine tutti i sentieri....è molto probabile che in qualcuno sarò costretto a indietreggiare...si vedrà strada facendo!);  sarà una ulteriore testimonianza di queste vie  e luoghi dimenticati ma che in nessun modo sostituisce il contenuto straordinariamente descritto nel libro da Massimo Spagnoli, speleologo e accompagnatore del CAI.
 
Come ripetuto in altre occasioni, la montagna per me è passione, libertà, semplicità e la vivo da semplice escursionista non legato a club o sezioni con il cuore rivolto sempre verso la cima più alta o la gola più profonda. Grazie alla ricerca di Spagnoli e dei suoi fidati amici, vi ragguaglierò su cosa hanno significato in passato i vari sentieri e sulla loro importanza.
 
E' comunque un mio consiglio quello di non farvi scappare questa "chicca"; un libro speciale che deve appartenere a tutti gli appassionati di montagna e soprattutto degli escursionisti dei Monti Sibillini.
 
Anche chi ha percorso in lungo e largo tutto il Parco Nazionale per i canonici sentieri, forse si sarà perso qualche piccola via piena di significato, curiosità con qualche rudere di antichissimi insediamenti di pastori o di chiesine. Personalmente, l'ho acquistato in una libreria nella città di Fermo dove credo andiate sul sicuro. In altri luoghi sinceramente non so se sarà facile trovarlo.
 
Trekkingmontiazzurri è nato con lo spirito di condividere tutto il suo contenuto insieme alle persone che apprezzano e fanno della fatica di una escursione, un trampolino di lancio per rituffarsi nel tram tram quotidiano nel pieno delle proprie energie e con animo rinnovato perchè a volte, quello che ci manca, è la voglia di aprire una finestra per far entrare aria pulita...Mi auguro che oltre a fornirvi tante informazioni, vi trasmetta anche questo. A presto....!   
 
<<< Torna a Sentieri dimenticati: introduzione  Home