In frantumi il mito della Sibilla? Stampa
Share
Monti Sibillini - Libri sui Monti Sibillini
Scritto da Paolo Ciccarelli   
Venerdì 13 Luglio 2012 11:41

UNA SCONCERTANTE VERITA' SECONDO MASSIMO SPAGNOLI SULLA LEGGENDARIA SIBILLA DEI NOSTRI TANTO AMATI MONTI SIBILLINI

Dopo aver pubblicato il volume "Sentieri e luoghi dimenticati dei Monti Sibillini", è uscito da pochi mesi il secondo libro di Massimo Spagnoli dedicato a svelare quanto di vero è presente e reale sulle storie ed aneddoti riguardanti la fata Sibilla attraverso studi e ricerche molto approfondite. "Cronache, scenari, mitopoiesi nelle terre di una Sibylla Appenninica" è il titolo di questo ultimo libro di 140 pagine che intende dimostrare una nuova verità sul mondo della Sibilla per come la sappiamo noi attraverso sommarie leggende e storie.

Così ne parla il professore Vincenzo Antonelli nella prefazione:".....Un volume inaspettato, controcorrente e per questo adatto a definire e tracciare nuove strade, nuove ipotesi suggestive, nuovi orizzonti tangibili e forse meno leggendari. Ed infine, se quanto Spagnoli dice, annullando secoli di leggende, uno stimolo radicato in noi ci fa sentire orfani della nostra Sibylla, della Gran Madre che dall'alto della vetta ci ha protetti e tutelati e forse illusi per tanti secoli........

......Voglio terminare questa prolusione con una speranza, se pur come dice Massimo Spagnoli, ricercatori e storici devono rinunciare al convincimento e alla persuasione che la leggenda della Sibylla Picena sia un modello analitico, irrinunciabile nella sua consolidata dottrina, si tratterà di analizzare senza paura i concetti forniti dalla tradizione documentaria per far emergere la vera storia.

Bene, questo è opportuno, ma chi ci darà ancora il mondo fatato e la Sibylla del nostro immaginario? Io voglio pensare che il paradosso di questo volume spinga alla ricerca su piani ancor più concreti e storici. Sarà possibile dopo tanti secoli?"

Il libro è disponibile nelle librerie della città di Fermo.

<<< Torna alla Home dei libri  Home